Il 2014 di [Banalmente] A Londra

fireworks london

Il 2014 è stato un anno veloce, bello, allegro, pieno di progetti – anche non realizzati, ma c’è tempo – e poi le solite corse londinesi, quella perenne rincorsa struggente alla ricerca di un tempo che alle volte a Londra è poco generoso, e ancora brevi breaks tra un viaggio e l’altro e la costante, piacevole attesa di quei momenti di scalpitazione.

Ho scritto abbastanza, non tanto quanto avrei voluto, ma adesso che i giochi sono fatti non mi resta che tirare le somme sul 2014 di questo blog e, chissà, magari provare ad abbozzare idee e sorprese per il 2015 🙂

Continue reading

Advertisements

Il potere del Banalmente [quando si sta per andare a Londra]

Lo so cosa state pensando, maledetti. Che ti apri un blog su Londra se poi non schiaffi nel template almeno un’ Union Flag oppure l’originale immagine di una cabina telefonica inglese oppure un double decker bus, a caso.

È da quella famigerata giornata di tre mesi fa – quando prenotai un biglietto sola andata per la meta d’emigrazione più inflazionata del millennio – che non faccio altro che appuntarmi sull’agenda vaghi appunti di nuvolette rosa contornati volti ad invogliare le mie pigre dita ad aprire un altro dannato blog in cui raccontare per filo e per segno le informazioni utili da sapere assolutamente sulla capitale del Regno Unito.

Quindi, dopo un’attenta quanto consapevole procrastinazione, questa mattina ho tirato fuori dal cilindro una frase partorita una quindicina di anni fa dalla bocca di una mia vecchia insegnante di matematica, alla quale avevo avuto la malaugurata idea di mostrare, speranzosa e gongolante, la nuova sfavillante copertina di fiori adornata atta a contenere le lezioni dell’odiosa et odiata materia.

La risposta dell’insegnante, sorridente, per le mie orecchie da dodicenne fu abbastanza d’impatto: “Quello che importa è il contenuto“.

[una bella sfilza di insufficienti di rosso vestiti]

Insomma, tutto questo per dire: inizio a scrivere, che è meglio. Sul resto ci lavorerò pian pianino, ché purtroppo non posso fare la blogger a tempo pieno.

Continue reading